martedì 18 gennaio 2011

7 ARRIVA LA BOMBA CHE SCOPPIA E RIMBOMBA



               E’ arrivata la bomba.
               La storia di Berlusconi e delle sue reiterate relazioni con minorenni, di orge con prostitute a palazzo Grazioli con tanto di complicità, asservimenti, pagamento di prestazioni sessuali e con tanto di interviste, documenti, testimonianze e articoli di giornale, è proprio una bomba.
               Stavolta potrebbe non riuscire a farla franca tale e tanta è la quantità di testimonianze, intercettazioni, interviste e riscontri trapelati dagli atti d’indagine della magistratura.

Insomma stavolta potrebbe succedere quello che una parte degli italiani si augura:
LA RESA INCONDIZIONATA DI BERLUSCONI & C..
Una vera e propria rivoluzione!!!
               
               Una rivoluzione senza morti e feriti a differenza di quella che in questi giorni è scoppiata in Tunisia e che, oltre a far cadere il governo, si sta estendendo all’Algeria, all’Egitto e ad altri stati africani che vivono analoghe storie di fame ed ingiustizie sociali.
               Insomma sembra sia in atto una vera e propria rivoluzione della globalizzazione.
               Per placare il popolo affamato e combattere la dilagante corruzione, in Tunisia è stato allestito in fretta e furia un nuovo governo. Nuovo governo che -  guarda caso - “ospita” tra le sue fila un buon numero di vecchi esponenti del passato regime.
               Sarebbe come se in Italia, caduto il governo Berlusconi, ne nascesse uno nuovo con a capo Scajola coadiuvato da Bondi, Brambilla, Casini, Bersani, D’Alema, Cicchitto, Lele Mora, Emilio Fede e Bertolaso. Tanto per citarne qualcuno a sua insaputa.
                Si rimischiano le carte ma ….il mazzo è sempre lo stesso!
               Potenti, mestieranti, vassalli e valvassori, corrotti e corruttori, sono sempre lì ad aspettare, come avvoltoi appollaiati sul ramo, il momento giusto per un’altra sortita.

IO PENSO CHE: la bomba che sta per scoppiare farà fetecchia

               Oramai questa classe politica ha già allungato i suoi tentacoli su ogni ramo della società, ha già spartito soldi, favori e poteri con i propri cortigiani formando un massiccio esercito di asserviti, raccomandati, amici e parenti sempre pronto a votare a comando i propri padroni.
               Questa vita normale, ordinaria, è solo una pseudo vita; in realtà è un processo di morte graduale, un suicidio di massa.

“…si sta come d'autunno sugli alberi le foglie…”


               E’ come essere in una fila che diventa ogni momento più corta e dove tutti in realtà cercano di essere i primi della coda. C'è un grande desiderio di essere primi in tutto.
               Manca la cultura di una vita in comune, sociale, condivisa.
              Una vita in cui al primo posto non ci sia il profitto a tutti i costi, l’interesse personale, il tornaconto e dove non si sceglie l’amico in funzione di quanto possa essere utile.
               La vera rivoluzione è quella interiore. Senza un vero cambiamento interiore potremo parlare di rivolta ma non di rivoluzione.

               Come cambiare?
               Facendo pulizia dentro di sé, liberandosi dal pattume di dogmatismi e schemi imposti dalla società, dalla politica, dalle multinazionali che considerano il popolo unicamente come un insieme di sudditi e consumatori; fare pulizia come quando aspetti qualcuno che ami e rassetti la casa; allora fai entrare aria fresca, sistemi ogni cosa al suo posto e disponi qualche fiore nel vaso. Prepari la casa per l’ospite.
               La libertà è l’ospite. Puoi solo invitarla e aspettare che venga.


7 commenti:

  1. Già a rimischiare le carte il mazzo resta sempre lo stesso. Quando parli di rivoluzione interiore, e auspichi il cambiamento con un cambiamento anzitutto spirituale sicuramente mi trovi d'accordo. Le stesse rivoluzioni del passato sono state fatte dopo un cambiamento radicale interiore. Ossia prima cambi gli uomini poi puoi far la rivoluzione.

    RispondiElimina
  2. Ciao sono Sara.. ti ho incrociato in blog amici e ora son qua...
    Bel post e belle riflessioni!
    Io già da tempo non seguo la politica e non ascolto più giornalisti che fanno solo lo scoop! La pulizia inizia da dentro e senza interferenze esterne a chiudere le porte è più buttare ciò che non è buono...
    Sara...

    ps. Guarda che ti seguo!

    RispondiElimina
  3. Ciao Sara
    Che piacere conoscerti ed essere seguito.
    Tanto più che ... è meglio essere seguito che .... inseguito!
    Ho tentato di capire se avevi un blog ma non l'ho trovato. Poco importa. Le parole sono inutili.
    Neanche io mi spiego perchè faccio sto blog.
    Seguimi dunque anche se io non potrò seguire te.

    "L'aquila non vede la formica ma la formica vede l'aquila".

    Ciao Sara. A presto.

    RispondiElimina
  4. Eccomi qua!
    Wow..paragonata ad un'aquila, l'animale più nobile che per me ci sia!!
    .. e tu, una formica? naaaa!!

    Ora vedi che riesci a seguirmi... vai qua e mi trovi:http://bonecha.blogspot.com/

    io continuo a seguirti ma non ad inseguirti ;-))
    Ciao Gianni!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao Gianni.. ho visto che mi hai trovato!!
    ... leggendo ora, mi sa che non ho capito nulla sull'aquila e la formica, come sempre, aggiungerei!

    Vabbè.. l'importante ora che tu da seguito sei diventato inseguitore! ;-)
    Un abbraccio e a presto!
    Sara

    RispondiElimina
  6. Ciao Sara

    Che sfizio!
    Mettiamoci d'accordo: tu sei l'aquila (com'è giusto che sia!) ed io la formica.
    Quello che conta è essersi trovati e verrò spesso a trovarti!

    Buona domenica e buon relax

    RispondiElimina
  7. Ahahaah che simpatico che sei.. davvero!!!
    ti ringrazio del "(com'è giusto che sia!)" ma mi stai sopravvalutando.. e non poco!
    ci si vede di sicuro anche qua da te e va che ti aspetto!!

    Per il relax, lo sto facendo, ho individuato un blog che stai seguendo.. IL POTERE DEL QUI E ORA... sto ascoltando alcuni brani postati.. e tutto grazie a te!! :-))
    Ciao!!!!

    RispondiElimina

Drink!