mercoledì 27 aprile 2011

9 UN UOMO SOLO

Non fai a tempo a mettere la testa sul cuscino, ad impollinarlo di forfora ed ungerlo ben bene di sebo, che c’è una nuova notizia che spazza via tutto quello che c’era prima, forfora compresa. Le cose cambiano troppo in fretta.
Pensavo alle persone sole, ai mariti senza moglie, alle mogli senza marito, ai separati in casa e fuori casa. A quelle persone che fino a pochi giorni prima vedevi passeggiare teneramente abbracciate, mano nella mano, e che poi scopri, all’improvviso, che si sono separati.
Mi è venuto in mente Egidio.
Egidio ormai è un uomo solo. Sta soffrendo tanto per la separazione dalla moglie.
E per il fatto che può vedere i figli solo poche volte al mese.
I suoi cucciolotti: Andrea 4 anni, Eleonora 6.
Egidio si vergogna ad andare a pranzo dai suoi a Pasqua senza la moglie ed i figli che sono anche i nipotini preferiti di nonna Concetta.
Dice che è uno smacco stare a tavola tutti assieme, ognuno con la propria famiglia ed i rispettivi figlioletti saltellanti e ben vestiti e lui lì, sistemato tra i nipotini più piccoli, a fare il bravo zio ed a tagliare a pezzettini la cotoletta nei loro piatti.
Ed a rispondere alle loro ingenue domande “zio, dov’è zia Sara, dov’è andata? Perché non hai portato Andrea ed Eleonora? Dove sono i cuginetti?”
Dopo il pranzo pasquale ogni nucleo familiare si accaparrava il proprio divano o il proprio letto ove smaltire i soliti eccessi post-prandium e sorbire il meritato caffè. Egidio, solo, dava una mano a sparecchiare ed a rimettere al loro posto i tavoli accostati l’uno accanto all’altro per la tavolata.
E mentre i fratelli si appisolavano beati o sfumacchiavano qualche sigaretta e le cognate tentavano di addormentare i bambini, lui preferiva togliere il disturbo salutando sommessamente tutti inventandosi impegni che non aveva. Mamma Concetta non riusciva a trattenere le lacrime.
Per tornarsene a casa, per la prima volta da solo, senza la sua donna ed i suoi figli.
Per lui la Pasqua, quest’anno, non era venuta. Aveva la morte nel cuore.

Allora ho pensato di fargli un regalo a Pasquetta. Per tirarlo un po’ su.
Gli ho mandato due escort a casa, due gemelline tutto pepe come quelle di Berlusconi ma molto, molto più … si insomma … molto più bone, diciamo!
Sono convinto che apprezzerà!
Mi hanno detto che quelle due fanno resuscitare pure i morti!
Speriamo bene. Perché io voglio bene ad Egidio.
Forza Egidio, riprenditi. Rinasci anche tu. La vita è bella! 

             To Be Continued.........

 

9 commenti:

  1. Come sempre, racconti divinamente.
    Il rapportarsi ai parenti e relative famiglie per un uomo separato e solo dev'essere tremendo.
    Fortuna esistono le escort :(
    Un regalo di lusso gli hai fatto!!!
    Ciao Gianni, sei un miracolo.
    Lara

    RispondiElimina
  2. Che amicizia,che comprensione e che generosità!
    Facci poi sapere se ha apprezzato.
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. Ciao Gianni...buongiorno.
    Com'è andata la Pasquetta invece a te??
    Tutto bene?uhmmm...te non me la racconti giusta...ehehehe!
    Bene...passiamo al post!
    Ci sono molte persone che per scelte personali decidono di separarsi...
    Molti e molte soffrono...e c'è invece che se ne frega e ci ride o si da alla pazza gioia con donnine di bassa categoria!
    Molte volte si prendono decisioni molto affrettate...e chi paga o soffre son sempre i figli!!!
    La separazione di due persone...possono avere miglioni di motivi.
    Ma molto spesso si agisce egoisticamente senza pensare ai figli!!!
    Tra i due patner non c'è amore?non c'è sentimento?non c'è nulla!!e si arriva alla conclusione!!il divorzio!!
    Lui prende una strada diversa!quella della bella vita!
    Lei altrettanto!poi?e i figli??già i figli...a casa con i nonni?dagli zii?
    Tempo passa...e il dolce finisce...e lui si sente solo...lei altrettanto...rimorsi e rimpianti.
    Sopratutto nei giorni di festa...dove tutto e tutti si riuniscono...dove tutti gioiscono...
    Che fare per tirare su queste due persone?o semplicemente un amico?Farle conoscere due belle sventole?dici?tu pensi che sia stata la cosa migliore??
    Che dirti...hai fatto bene!
    ma non condivido!
    P.S.I miracoli li fà solo Dio...sei un Dio?
    Scherzo!
    Il mio commento è molto personale...per mia sfortuna ci sono dentro ad una situazione simile"DA FIGLIA"
    Spero che comprenderai...
    Ti stringo.:)

    RispondiElimina
  4. Come mai non ho amici come te?

    RispondiElimina
  5. Cosa non si fa in nome dell'amicizia, eh? :O)

    RispondiElimina
  6. Ma con le Kesslescort non si sarà sentito ancora più "sfigato"?
    Basta un po' di sesso a rimpiazzare una famiglia?
    I don't think so!
    (il racconto, però, mi è garbatunsaccassai;))

    RispondiElimina
  7. Che dici, le porterà a conoscere la mamma?

    RispondiElimina
  8. Gli hai fatto trovare la sorpresa senza l'uovo!!!! Racconti benissimo. Bravo bravo

    RispondiElimina
  9. Una storia molto triste comune a molte famiglie, molto ben raccontata, in cui le vittime spesso sono proprio i figli che vedono distrutto il loro ideale di famiglia unita, e spesso trattati come merce di ricatto.....
    Credo solo che le escort non lo abbiano aiutato nel suo percorso, mentre la presenza di un vero amico sarebbe molto più efficace, questo è il mio pensiero tanto da credere che le escort siano solo una provocazione, e che tu sei stato vicino al tuo amico.... :)

    RispondiElimina

Drink!