giovedì 9 agosto 2012

20 LA STAMPA DI BECCHIME


Sarebbe di "REgime" ma non c'è più il RE.
Io vedo solo polli che beccano granaglie
si nutron di vermetti pescati nel terreno
e d'ogn'altra cosa mischiata col granone.
Son teneri i pulcini quando li tieni in braccio
poi crescono ed ingrassano e fanno pure l'uovo
che quando gli brucia dietro fan pure coccodè.
Quest'è la vita allegra di un pollo in batteria
di giorno all'aria aperta, di notte nel pollaio
o a leggere giornali per polli e per galline
dove si parla sempre di re e di regine
ma anche di normali e comunissimi pollastri
di politica di news e poi di tutti quei disastri!
Vi si descrive il mondo come una grande aia
con pozze di fanghiglia e cumuli di soia
e tanti pettegolezzi in cui ficcare il becco.
Ora anche il governo si sta dando da fare
Monti ha messo un premio se fai tanti pulcini
e risollevi un pò il pil della nazione
e la Fornero giura che è proprio molto bello
rimetterci le penne e farsi tirare il collo
che quello è il destino per chi è nato pollo.
Adesso tutti insieme dobbiam contribuire
a lavorare sodo per salvare la nazione
magari rinunciando al mais e alla pensione.
Che tanto un pollo già lo sa cosa c'è nell'aldilà
non deve pregar Dio quand'è arrivata l'ora
di certo diventerà ... un pollo alla cacciatora.


20 commenti:

  1. Ma Gianni, non finisci di stupirci. Ora però io vorrei assolutamente sapere qual è la fonte di ispirazione, perché qualcosa deve essere successo per forza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Cinzia
      hai ragione
      la fonte d'ispirazione è la monotonia dei giornali on line tutti rigorosamente omologati nel riportare le medesime ed inutili notizie per mantenere nel "sonno" i sudditi riempiendoli di futili e stupidi argomenti su cui porre la loro attenzione quali le medaglie alle olimpiadi, Alfano che perdona Monti di aver trattato male Berlusconi, gli incendi dolosi etc etc. senza mai fare proposte concrete su un nuovo ed inevitabile, a mio avviso, progetto di vita per il futuro. Ciao.
      p.s. ho notato che mentre tu scrivevi da me, io rispondevo sul tuo blog. Concomitanti. Ciao

      Elimina
  2. Non credo tanto che sia la monotonia dei giornali on e off line. Non è mica cambiato tanto rispetto agli ultimi anni... A me spaventa l'apatia in cui l'Italia è precipitata. Prima a mantenere un po'svegli gli italiani ci pensava Berslusconi con le sue cavolate. Ora Monti mi sembra un incantatore di serpenti, con la sua voce monotona sembra aver ipnotizzato tutto il Paese... a ciò si aggiunga il caldo e il gioco è fatto... Mi auguro che il risveglio non sia troppo brusco...

    Gianni, siamo in sintonia...

    RispondiElimina
  3. C'è quell'aria di diffusa latitanza che però potrebbe esplodere...a meno che il SuperMario non diventi Mago Merlino e risolva ogni problema con il suo "aplomb".
    Baci.
    Staremo a vedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Arianna
      non esploderà proprio nulla a mio avviso
      i parlamentari ladroni continuano alla grande a papparsi tutto ben protetti e guidati da Monti, Napolitano e dai giornalisti.
      il popolo non vede l'ora che inizi il campionato
      le donne a sognare il principe azzurro
      i maschietti a sognare di mettere loro le mani addosso

      e la vita continua uguale tra alti e bassi come sempre
      (a loro gli alti a noi i bassi) ... nei secoli dei secoli. Amen!
      Ciao buona estate

      Elimina
  4. corriam allegramente tutti incontro al nostro destino.


    ehi... un momento... ma questo non e' il mio destino!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... inevitabilmente!
      Al mercato nero, per un destino nuovo di zecca, devi possedere almeno 2 milioni di euro o avere una pensione da parlamentare.
      Altrimenti ... pollo alla cacciatora !!!
      Ciao.

      Elimina
  5. Complimenti Gianni!
    E anche Cinzia ha ragione.
    Abbiamo tutti ragione, ma finiremo alla cacciatora, mi sa proprio.
    Ciao:)
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... lo scopriremo solo vivendo ... cantava Battisti!
      Ciao Lara

      Elimina
  6. Non voglio diventare una pollastra alla cacciatora, o vista l'età....lessata! (Sai che brodo!) Sono stanca anch'io delle solite notizie, dei soliti tg, dei soliti approfondimenti sui tg... La situazione generale è brutta, non so come ne verremo fuori... Comunque Gianni ancora complimenti per le rime anche quando parli di sordida politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Viola
      mi sa che sia tutto predestinato!
      Tutte le femminucce in brodo e tutti i maschietti alla cacciatora!!!
      Dai cerchiamo di resistere ancora un pò e di salvare qualche penna!
      Viola quando arrivi tu sul blog in cielo si vedono tante stelle cadenti!
      Ciao.

      Elimina
    2. Ed allora esprimi un desiderio....Magari allo spiedo, o al curry...

      Elimina
    3. Io il desiderio l'ho espresso ... ma non avrebbe nulla a che vedere con spiedo, curry, muttini [(i muttini sono bottiglie formato mignon di sugo fatto in casa tipo mutti) (per chi non lo sapesse)] intingoli vari o cose del genere!
      Viola quando arrivi tu ... tutto diventa più .... più ......

      Elimina
  7. il mio braciere è più o meno così

    http://www.marktguru.at/Angebot/Interio---Feuerschale%20Fuego%20New:32236/

    nel frattempo è arruginito e quindi molto più bello. Infatti, se guardi bene, in una delle foto lo si vede un po'.

    Saluti cari
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della foto Cinzia
      E' carino ma arruginito dev'essere di sicuro molto più bello!
      Un abbraccio. Godetevi il calduccio.
      Ciao.

      Elimina
    2. Certo i vecchi bracieri erano un'altra cosa!! Anche il mio compagno mi racconta spesso che alla sera si riunivano intorno al fuoco del braciere in casa di sua nonna. E rimpiangiamo entrambi che nessuno sappia che fine abbia fatto proprio quel braciere a lui così caro. A me piacciono molto gli oggetti antichi perché hanno una storia e a me piace pensare che abbiano anche un'anima. Oggetti che hanno avuto un significato per delle persone, se poi appartengono alla storia della famiglia diventano ancora più preziosi.
      Ora a me resta la speranza che un giorno qualcuno, magari mio nipote che adoro, conservi con amore questo braciere perché gli ricorda la sua nonna!
      Buonanotte!

      Elimina
  8. Caro Gianni , rispondo qui invece che da me. Ho immaginato a volte il suicidio come soluzione e immaginavo di buttarmi con un grido di gioia dal ponte sulla diga dell'Arno . Un nostro amico quando era giù di morale , diceva di avere sempre la sua fedele 7,65, la pistola che lo aspettava per l'ultimo servizio . Lo diceva anche quando era molto vecchio e Mauro una volta sbottò ed esclamò "Oh Silvano, ma se non ti ricordi neanche dove l'hai messa!" Finisce così, che non ti ricordi più neanche che volevi farci con la pistola , solo una disperazione infinita ti porta su un tetto, e non è da augurarsela, se ci vedremo ti racconterò la storia per intero, ti piacerà, ha i toni della tragedia greca , ma va raccontata con rispetto e ascoltata con attenzione, è una vita vera. Il nostro amico , quello della 7,65, è poi morto di vecchiaia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenza, la vita non ha senso poiché si vive solo per morire. Ma è molto importante sapere che possiamo suicidarci quando vogliamo. E' una cosa che ci calma, ci soddisfa ed il problema è risolto. E' l'unica vera proprietà che abbiamo (la vita) e sapere di potercela togliere quando vogliamo esprime l'unica vera libertà che poi alla fine ci impedisce di suicidarsi. Paradossalmente, per fartela breve, chi qualche volta ha "veramente" pensato al suicidio, sta pure sicura che non lo farà mai. Per capire se sei realmente depressa devi immaginare di fare 6 al superenalotto ed allora capisci che ami la vita e che ogni "tristezza" ti viene dal non avere le possibilità (i soldi) di godertela appieno. Non come il caso del tuo amico Luca, mi par di capire, che soffriva di depessione patologica ovvero di una vera e propria malattia che in apparenza non si vede e non si sente e che nessuna vincita avrebbe potuto guarire.
      A me piace molto vivere anche se, ripeto, quando arriverà quel giorno sarò ben felice di vedere cosa c'è nell'aldilà. In ogni caso sarò molto felice di non vedere le teste di cazzo che sono costretto a vedere ogni giorno intorno a me. Ed anche in tv, naturalmente. Ciao cara.

      Elimina
  9. Purtroppo ancora molte persone credono a questo governo e la colpa è dei mass media tradizionali; servi di un regime di una finta democrazia.
    Condivido in pieno il tuo commento nel mio blog.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cavaliere
      credere in questo governo è come per un bimbo credere a babbo natale.
      Sono tutti ansiosi di sapere cosa metterà sul camino e cercano di stare svegli per beccarlo. Ma, puntualmente, si addormentano sul più bello!
      Popolo di fessi.
      Ciao

      Elimina

Drink!