mercoledì 25 dicembre 2013

Gatto Natale

Buon Natale a tutti i blogger.
E Buon Natale a tutto il mondo.
La cosa bella del Natale è che a Natale siamo tutti più buoni.
Gatti compresi, ovviamente!

Ciao




lunedì 23 dicembre 2013

15 Non è questione di cellule




Nella famiglia di mia moglie, tutta gente pratica, ritenevano che solo i cani meritassero di esistere poiché loro, almeno, facevano la guardia. I gatti, invece, erano animali inutili. 
Poi un bel giorno mia figlia chiese di prenderle un gattino.
Oggi Scricci (viene da “Scricciola” ovvero minuscola e fragile gattina) risulta anche nello stato di famiglia e quindi, aumentando il numero dei componenti familiari, mi farà anche aumentare la Tares per il 2014, o Iuc, Imu, Tari, Tasi, Tarsu o come cavolo si chiamerà.
Adesso mia moglie, non più diffidente verso i gatti, si fa anche aiutare da Scricci ad impastare in cucina (nel video preparano insieme gli struffoli (dolci tipici napoletani)).
E mentre Renzi, Letta e Brunetta ci sistemano per le feste, io mi godo qualche giorno di ferie lontano dal lavoro e dall’ufficio.
Abbasso il lavoro.
Vi voglio bene.

Buon Natale

mercoledì 18 settembre 2013

26 Dio non me scocciare

Io non avere sonno nemmeno questa notte
domani lavorare con tutte le ossa rotte
per entrare in paradiso io dovere lavorare
e lavorare pure se volere fare amore
tutti dire me cosa dovere fare
nessuno chiedere mai se a me fare piacere
e allora io domani non andare mio ufficio
io restare a casa a giocare con il micio
il nastro delle paste io agitare avanti
e lui correre appresso e saltar su arredamenti
e poi lui dare morsi per gioco su mia mano
e io lanciare a lui pallina carta lontano
e poi io dare lui scatoletta e croccantini
e lui ed io insieme sembrare due cretini
a mezzogiorno andare comprare pane caldo
mangiare parmigiana e bere birra in saldo.
Se anche in paradiso io dovere lavorare
allora scegliere inferno e Dio non me scocciare.



domenica 15 settembre 2013

8 Extraterrestre portami via



Ho visto tante volte
L'autunno ripartire
Tra libri grappe e cachi
E foglie colorate
Io non mi illudo più
Che cambi qualche cosa
Le solite castagne
I soliti porcini
Un paio di raffreddori
E l'acqua calda ai piedi
Sinanche in ciel la luna
Ha già rifatto il giro
Si sa che dopo i quarti
Torna la luna piena
Mi compro un telescopio
E me la metto a guardare
Vediamo se gli alieni
ci vengono a trovare
Che esploda pure il mondo
Non me ne frega nulla
Si salvino solo i blogger
Ed i bimbi nella culla
Radiamo tutto a zero
Ricostruiamo tutto
Stavolta compro una casa
Col pavimento in cotto
Un bel boschetto sopra
E un ruscelletto sotto



sabato 14 settembre 2013

6 OFFERTA SPECIALE



Su una vecchia e scalcagnata bicicletta
barattata al mercatino dell’usato
pedala come Gimondi un uomo nero
mentre ritorna a casa da lontano.
A stento lo si vede in mezzo al buio
se non fosse per i fari potentissimi dei SUV
e per le luci dei negozi semivuoti
con due donne dentro a chiacchierare.
Poi ad un tratto si ferma, accosta e pensa.
E' meglio comprare il pollo o le pizze?
Un pollo al girarrosto a legna costa 6 euro
oppure c'è l'offerta
con 10 euro ti danno un pollo
+ un vassoio pieno di patate al forno
+ una pepsi gigante.
Oppure, alla pizzeria di fronte, 4 pizze a 10 euro.
Dopo pochi secondi l’uomo nero
decide e compra il pollo da 6 euro
in 4 pezzi trinciati a trinciapollo.
Poi riparte sulla sua bici sgangherata
facendosi largo tra i clienti in attesa.
Se non si fosse sbrigato a prendere il pollo
avrebbe dovuto aspettare un sacco di tempo
perché gli avrebbero dato il numero 37
mentre stanno ancora servendo il 24.
Speriamo che a casa l'aspetti
una bella birra fredda
ed una donna in cucina.


Drink!