sabato 30 aprile 2011

9 TELEPASS









9 commenti:

  1. Ogni festa o ricorrenza ormai assume contorni pittoreschi, come cavalieri erranti andiamo in guerra per difendere drappi del medioevo, a volte fieri ne cantiamo le gesta, forse il telepass potrà salvarci qualche attimo di agonia...però avrai qualche attimo in più da dedicare al centro commerciale, a questo punto scegliere non saprei.
    saluti

    RispondiElimina
  2. Siamo tornati ad essere schiavi, come lo si era un tempo. C'è stato un intermezzo in cui le otto ore di lavoro al giorno erano una realtà e il sabato e la domenica, nonché le festività, erano di tutto riposo. E forse in quei tempi non c'erano ancora i centri commerciali e la gente non passava ore ed ore ai caselli autostradali.
    Per cui, non posso che lasciarti gli auguri per un Buon Primo Maggio, caro Gianni!
    Lara

    RispondiElimina
  3. Ironico ed originale; e poi,tutte le strade conducono al casello del telepass!

    RispondiElimina
  4. ...ma perchè la chiamano ancora festa dei lavoratori?
    io la chiamerei festa dei disoccupati e degli schiavi,ormai queste sono le categorie che popolano il mondo!
    o sbaglio?

    RispondiElimina
  5. citerò solo le parole del sommo poeta U.T.
    "Primo Maggio, su coraggio, io ti..."
    Phasta siempre companeros!

    RispondiElimina
  6. ti giuro che mi sembrava di ascoltare gioele dix hahaa
    ti ho condiviso su fb spero non ti dispiaccia

    RispondiElimina
  7. Uhè , Gianni , mi perdoni per il mio assservimento al lavoro ? Perdonami , non pootrei più stare senza i tuoi commenti . E senza i racconti con le tue cognate .

    RispondiElimina
  8. Ciao Vitamina ma scherzi?
    ahahahaha!
    è sempre un piacere chiacchierare con te!
    a presto.

    RispondiElimina
  9. finchè c'è l'ironia la schiavitù non ha radici... è quando passa anche la voglia di scherzare che si è schiavi sul serio, non solo del lavoro ma anche dei centri commerciali

    RispondiElimina

Drink!