martedì 5 aprile 2011

11 UNA GIORNATA DI SOLE



Oggi sarò improduttivo
Come ho sempre sognato di fare
Starò in fuga nascosto
Dagli occhi del mondo
Lasciando marcire quei piatti
Nel lavello della cucina.
Oggi il mondo lo chiudo al mattino
E non esiste nient’altro
Che la dolce quiete       
Del paese in collina in cui sono
Della nonnina avanti al suo uscio
Che dà da mangiare a tre gatti
E poi si mette a sedere
Sulla sedia di paglia
A prendere il sole
E sistema i suoi bianchi capelli
raccolti a cipolla
infilandoci una forcina
Poi saluta i passanti e sorride
A quest’altra giornata di sole


11 commenti:

  1. il più bel regalo che ci si possa concedere: il tempo lento ed il percepirlo.

    RispondiElimina
  2. Gianni caro, io e te abbiamo una cosa di sicuro in comune: vorremo non dover andare a lavorare! Io non ne posso più... sta diventando una fobia. Così mi rendo la vita più difficile di quanto è... sarebbe più saggio prenderla con filosofia e lavorare con serenità, pensando a tutti quelli che il lavoro non ce l'hanno,a quelli che fanno lavori pesanti e massacranti... e invece io mi stresso per niente...
    Ti saluto Gianni! Giochiamo al lotto, va!

    RispondiElimina
  3. p.s. il quadretto mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  4. Una volta la settimana mi concedo un P Day (porco day) giornata di dieta liberissima in cui mi tolgo gli sfizi alimentari da me più ambiti, un paio di volte al mese mi prendo dei Lazy day e questa tua poesia ne potrebbe essere una magnifica cornice

    RispondiElimina
  5. E' una poesia che mi lascia gioia e nostalgia, meglio dire forse che hai dipinto una tela meravigliosa. Quella sedia di paglia possiamo vederla tutti e la nonnina seduta al sole che nutre i gatti. Davvero molto bella, grazie Gianni!
    Lara

    RispondiElimina
  6. Bellissima poesia Gianni. Pare di vedere tutto, nonna compresa. Avevo anch'io una nonna con la crocchia e stava seduta su una sedia di paglia, ma vicino alla stufa, e filava la lana delle sue pecore. Pare preistoria. Ciaooooo!

    RispondiElimina
  7. Ciao dolce poeta...ma che meraviglia!
    Letto due volte e dico cosa vedo e cosa mi trasmette...
    Siamo sempre di corsa...corri corri e non ci rendiamo conto dei valori che la Vita stessa ci regala...
    Siamo talmente presi dal lavoro...dalle cose quotidiane..dai sali e scndi dal bus la mattina..al treno...al capo ufficio..al collega stronzo che ci urta...alla segretaria con la scollatura da urlo...e non pensiamo a chi veramente ha bisogno di noi.
    Arriva poi un giorno...uno qualunque dove...il giorno del riposo...Resti per un po così...fermo rilassato sul divano e pensi...la tua mente elabora...tutto,bollette da pagare,roba da ritirare in tintoria,lavare i piatti ecc...ma nulla hai una sensazione...come se ti mancasse il respiro...
    Decidi di uscire...una bella passeggiata ti farà bene...è molli tutto...pitti,roba,gatto,ecc...ma ti concedi questa bella passeggiata al sole...
    Ti siedi ad una panchina...sotto ad un albero...
    ti sento bene...il sole ti accarezza il viso...
    ma c'è qualcosa che ti rattrista dentro di te....Noti da lontano una nonnina con una busta che poverina s'incamina pin pianino verso casa...accasciata...con passo lento...
    E li che affiora la tua tristezza...si...pensi a tutte quelle nonnine sole...a madri e nonne abbandonate...e ci stai male...
    Gianni...l'alba del domani...e il sole risplende ad un nuovo giorno.
    Quella noninna rappresenta la Vita...e i giorni che scorrono senza tregua...
    Ma la cosa bella è che nonostante tutto...quella nonnina come tante hanno la forza di...trovare riposo...una carzza in un soffio di vento...accompagnato da un raggio di sole.
    SEI MITICO GIANNI!!!!
    MI SONO COMMOSSA!
    Ti stringo forte.
    Bravissimo!

    RispondiElimina
  8. La pace della campagna, lo stupore di fronte a immagini d'altri tempi.
    Grazie!
    Cristiana

    RispondiElimina
  9. Oddio quanti errori che ho fatto...ho sonno...e non vedo la tastiera...mi perdonerai vero?
    P.S.Hai una vena poetica bellissima:)

    RispondiElimina
  10. @Shadow - Un bene prezioso il tempo. Specie quando è quello libero e non si ha fretta.
    E si può oziare. Ciao

    @Cinzia - Si Cinzia, ormai la cosa è conclamata: sia a me che a te non piace andare a lavorare.
    Decisamente no! Che vitaccia! Che stress! E c’è pure chi dice che i soldi, nella vita, son l’ultima cosa! Sarà! Ciao.

    @sabrina ancarola – Grazie! Si, è bellissimo farsi passare gli sfizi! Di qualsiasi tipo. Ciao

    @Lara –Sei molto dolce. La voglia di semplicità e di tanto tempo a disposizione è sempre più forte! E bello guardare le cose! Ciao Lara.

    @Viola – Ci sono atmosfere che non si dimenticano più. Restano sempre nel cuore. Ciao Viola.

    @Giusy – Ciao Giusy – Vedo che anche a te si accende la fantasia.
    A volte non c’è niente di meglio che concedersi una bella giornata di sole. Senza dirlo a nessuno. Ciao Giusy.

    @Cristiana 2011 – Grazie a te Cristiana. E’ un vero piacere incontrarti. Ciao.

    RispondiElimina
  11. sono le cose più semplici ad appagare il cuore, ma spesso ce ne dimentichiamo. bello il tuo testo, sognante.

    RispondiElimina

Drink!