domenica 14 agosto 2011

10 STAZIONE CENTRALE


La stazione è la porta del mondo
non solo dei treni
anche Dio guarda il mondo dal vetro
del finestrino sul suo eurostar
che qui tutti i treni son suoi
e non certo delle ferrovie!
Lui è molto preciso e gli piace
ogni tanto fare qualche controllo
ora è in incognito e fa finta di nulla
ha le cuffie e gioca al pc.
Sorseggiando un succo di frutta
al gusto di mela verde di Eva
ripensa al progetto del mondo
com’era e com’è
Accorgendosi che in fondo qualcosa
qualche piccola cosa
è ancora un tantino imperfetta.
Ed infatti anche il suo treno è partito
con leggero ritardo
questo suo benedettissimo treno
quel treno per Yuma!
Ma a Lui cosa vuoi che importi
Lui ha tutto il tempo che vuole
e si gode (allibito) il creato
mentre vede allontanarsi pian piano
la stazione centrale
con i suoi strampalati barboni
già arrivati in orario all’inferno
a quattro passi da gente che parte
sia pur con leggero ritardo
su quel treno per Yuma.

10 commenti:

  1. BELLISSIMA! Abbandonata l'invettiva ti fai l'immagine di Dio che gioca sul pc con le cuffie , e poi il resto , che bel regalo per la vigilia di Ferragosto !

    RispondiElimina
  2. Sai Gianni, mio marito ha lavorato sui treni fino a 7 anni fa , quando è andato in ufficio . Il lavoro sui treni richiede elesticità , capacità di comunicazione, empatia con quegli altri umani, veramente di tutti i tipi , che ti capita di incontrare seduti vicini negli scompartimenti delle carrozze, davvero il treno è di Dio ,di Quello che scozza le carte, una volta aveva una famiglia di stranieri seduti in uno scompartimento , mamma e due bambini , il bagno della carrozza non si apriva , di solito, c'è dentro uno che tenta di non pagare il biglietto . Aprirono e c'era questo pover'uomo , polacco mi pare,marito e padre di qulle persone che lo aspettavano, che si era impiccato , mio marito ti puoi immaginare come ci rimase , poi doveva continuare a lavorare, il treno è di Dio , chissà se ci da un'occhiata , mentre gioca al pc?

    RispondiElimina
  3. @Vitamina
    Ciao Lorenza.
    Che storia quella di tuo marito!!!
    Io per andare al lavoro prendo ogni giorno il treno per Napoli centrale e puoi sicuramente immaginare quello che si vede in quanto a poveri cristi.
    Amo le stazioni. Sono lo specchio del mondo.
    Saluti alla tua famiglia ed ai tuoi fiori. Buon ferragosto a voi tutti. Ciao.

    @Sabrina - Ciao Sabrina, grazie. Buon ferragosto.

    RispondiElimina
  4. La stazione e i treni sono pieni di storie, a volte belle spesso di disperazione, dipende dalle ore. Ho preso il treno per anni da nord a sud, a tutte le ore ed ho visto tante cose....

    Passa un buon ferragosto con tutti quelli che ami Gianni

    RispondiElimina
  5. 1) Dio è a capo della cupola, e quello che a noi sembra imperfetto è la sua perfezione, altrimenti saremmo noi il Dio, se solo sapessimo enunciare, modellare, o anche solo surrogare la perfezione.

    2) La perfezione è poter disporre del bene come con MasterCard.

    3) Dio è il tuo prossimo ...che non sempre si palesa. I barboni sono emissari di Dio, non partono mai, non ha senso, tanto poi si ritorna il più delle volte incazzati. A parte le Jpeg da mostrare in ufficio.

    4) Quel tizio ha un pugno sul cuore, si vede ad occhio nudo che è un angelo... non vorrei sbagliarmi ma veste ... Diadora ... ti dice niente questo nome?

    RispondiElimina
  6. Dio non può meravigliarsi di niente.
    Essendo onnisciente, già quando ha creato l'Eden, sapeve come sarebbe andata a finire.
    Niente può meravigliarlo e avrà steso un velo pietoso sul creato perchè ne conosce già la fine.
    Cristiana

    RispondiElimina
  7. La stazione è un luogo di aggregazione per riuscire a disperdersi. In stazione potrebbero anche solo vendere panini e riviste porno (per non farsi sgamare dal solito giornalaio) ed esisterebbe lo stesso.
    La stazione è un luogo anche per ritrovarsi con Secondamano e una rosa all'occhiello per farsi riconoscere. La stazione è anche un posto per dipingere un muro di Berlino o una carrozza, sopratutto se sei un writer tedesco e sai che a Bonn la prenderebbero Mal e ti infilerebbero le bombolette da qualche parte di sicuro.
    Alla stazione non si dorme e basta, ma ci si bacia per un addio o si comincia un amore e poi si fa sotto e sopra (barba e capelli) per il resto del viaggio sul Milano-Lecce.
    La stazione è il paradiso e appena il treno parte ecco che ti vengono in mente i ricordi, la malinconia, e sei solo e ti sei dimenticato di giocare il Superenalotto ... e anche il biglietto.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Le stazioni nascondono tante storie di vita.Ti auguro una felice serata;saluti a presto

    RispondiElimina

Drink!