sabato 7 maggio 2011

12 A CALCI IN CULO



Credo siano maturi i tempi per cominciare a parlare di una democrazia partecipativa e non rappresentativa.
In cui cioè ogni cittadino, entro alcuni limiti e con alcune regole, possa direttamente proporre e discutere le leggi o tutto quello che si fa in parlamento. E magari utilizzando internet, ad esempio.
Penso che tutti coloro che rappresentano una moltitudine di persone, e che per farlo ne ricevano autorizzazione e potere, tradiscano subito il mandato - appena eletti - per trarne vantaggi e profitto personale.
L’animo umano è debole. Si fa tentare. E ci casca sempre. Sempre!

Ho avuto amici che sono entrati in politica e ne ho seguito la storia.
Adesso c’è Massimo che si è candidato alle prossime elezioni comunali.
A vederlo sembra proprio una persona umile ed io lo conosco da una vita, ci ho fatto le scuole medie assieme e so che è sempre stata una persona a modo, che sta dalla parte delle persone  comuni e che mai  tradirebbe i suoi concittadini.
Ma so già che nell’istante in cui dovesse essere eletto e raggiungere il potere avverrebbe la metamorfosi.
Come tutti quelli che lo hanno preceduto, diventerebbe all’istante un’altra persona!
Spero di sbagliarmi ma temo che stia usando la sua umiltà per carpire la fiducia dei suoi elettori. Dal momento in cui sarà eletto nessuno potrà fargli più nulla, non dovrà più aver paura di nessuno. Allora sarà libero di esprimere il suo vero essere.
Solo chi è potenzialmente corruttibile si muove verso il potere.
Chi è potenzialmente buono non se ne interessa.
Solo chi vuole abusare del potere ne è sempre alla ricerca.
Ogni volta che due esseri umani si incontrano gettano la propria autorità tutt’intorno.
Come fanno gli animali quando marcano il proprio territorio con la propria urina.
E per manifestare per bene la propria autorità si è sempre alla ricerca di un altro essere umano più debole da sopraffare.
Il capo ufficio si impone su di te, tu torni a casa e te la prendi con tua moglie che aspetterà che tuo  figlio torni dalla scuola per prendersela con lui.
E tuo figlio a sua volta si chiuderà in camera e romperà tutti i giocattoli.
Anche il potere più piccolo corrompe!
Anche un semplice vigile urbano che dirige il traffico … appena ne avrà la possibilità ne farà abuso …  prima o poi vorrà far vedere chi è!
Anche l’ultimo degli ultimi trova sempre un cane da prendere a calci!

12 commenti:

  1. quindi il potere logora più chi ce l'ha di chi non ce l'ha? a me piace pensare che ci siano anche motivazioni ideali e che ci siano anche persone che usano il potere come un mezzo e non come un fine.

    RispondiElimina
  2. con tutte 'ste figure che girano, ho perso il commento...

    RispondiElimina
  3. Il Potere è un gioco pericoloso, può andare alla testa, si entra in un giro dove scompare l'umanità. Soltanto il desiderarlo sminuisce una persona.
    Grazie Gianni per questa riflessione che dovremmo fare tutti.
    Buona domenica!
    Lara

    RispondiElimina
  4. A calci nel culo da quando ho intrapreso un'altra parte della mia vita non ho mai preso nessuno. Forse è nella mia natura, perchè per travalicare il lume della ragione mi dovrei incazzare parecchio. Chi travalica non ha minimamente il sentore di cosa voglia dire, perchè vive in funzione di quella sensazione che lo fa sentire onnipotente.

    RispondiElimina
  5. Ma proprio tutti tutti, Mark?
    Faresti così anche tu, ammesso che ti venisse la folle idea di "scendere in campo" ?
    Cristiana

    RispondiElimina
  6. Sì, è proprio così. Ed è per questo che la democrazia può diventare un pessimo sistema se non si dota di alcuni rimedi. Rimedi che non fanno miracoli ma che almeno possano tamponare i danni più gravi: il limite ai mandati elettivi e nel ricoprire cariche di governo, l'eliminazione della legge elettorale di oggi che impedisce ai cittadini di esprimere le preferenze, norme che regolino il conflitto di interesse .....
    ciao

    RispondiElimina
  7. Hai ragione...
    Noto che uno/a più è infelice in casa propria più si sfoga con chi incontra.. se poi ha una divisa o una carica... che Dio ce ne liberi!

    RispondiElimina
  8. Grazie mille per il commento, CIAO!!! :-D

    RispondiElimina
  9. Il potere è una brutta bestia. MOlto brutta. Deforma. Fa perdere di vista la bussola dei valori.

    RispondiElimina
  10. Abuso di potere, hanno inventato il termine apposta!
    p.s.
    c'è un premio per te sul mio blog!
    *La papera*

    RispondiElimina
  11. ciao Gianni
    più passa il tempo e più di umanità se ne vede meno!!

    buona notte

    RispondiElimina
  12. Il potere prende alla testa e si perdono molti ideali.La tua idea di democrazia partecipativa è ottima e può essere il futuro di un mondo, sicuramente migliore.Saluti a presto

    RispondiElimina

Drink!