martedì 1 maggio 2018

4 LA PECORELLA SMARRITA


1 maggio 2018 festa del lavoro

Solito rito tribale. Uno scambio di perline colorate per qualche noce di cocco.

La religione, la destra e la sinistra, la scuola, il matrimonio, la famiglia, i figli, la casa e … dulcis in fundo il lavoro
Tutto è finalizzato (educazione, formazione, politica, tifo per la squadra di calcio etc.) a prepararti al lavoro.
La religione ti rende ubbidiente e speranzoso.
La politica e la scuola ti insegnano il giusto mix tra rispetto ed offesa delle regole.
Il matrimonio, la famiglia ed i figli sono infine la palla al piede che ti impedirà di scappare da qualsiasi parte.
Il lavoro, suggellando tutte queste catene, costituisce la propria gabbia dorata.
Il lavoro ti rende felice, soddisfatto, realizzato. La notte dormi più tranquillo.
Ti senti parte del tutto. Non sei più una pecorella smarrita ma hai anche tu il tuo buon pastore.
Cercherai ogni giorno le carezze del tuo pastore, saltellerai “libero” sui prati per brucare l’erba e farti mungere il latte.

Poi un giorno sarà il pastore a cercarti per condurti, inevitabilmente, al macello.




4 commenti:

  1. Non coloriamo le nostre catene. Spezziamole!
    Ciao Giovanni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah certo che si
      Invece quelli continuano a passare antiruggine e vernice sulle proprie catene!
      Cosa vuoi fare da grande (che lavoro) bel bambino??????
      E ci fanno anche il concerto!!!!!
      La sindrome di Stoccolma è quella che guida l'umanità: ci si innamora sempre del proprio aguzzino!

      Elimina
  2. Sono quasi le 15. Piazzo su IAR tv3 ed aspetto "Leonardo" il TG della "scienza". Appaiono due racchietti seccardini, la femminuccia in pantaloni, stomaco scoperto su orrenda maglietta a strisce orizzontali con tutti i colori dell'arcogayleno meno l'arancio più il rosa con la scritta "Yesterday" in nero. Il maschietto, troppo ricciuto, figlio di chi?, in camicetta bordeau amaranto. Non, non in gonna, anche lui in pantaloni. Sotto il palco in Rosso Antico Comunista, insegne romboidi caleoidoscopiamente allucinevoli. Prima di cominciare con i suoni e con i canti che hanno rotto i "Cabbasisi" a Tutti Quanti, ci melodiano la Verità per blandire il Nostro Malcontento. solita tecnica dei servi massmediari scribacchini, nani e ballerini, pifferi di Shylock, irridendo Noi ancora fisicamente Vivi, come il Pazzarella e la Camuffo e...soci sindaleckisti hanno sbeffeggiato i Morti di Lavoro sul Lavoro. Il gregge-branco sottostante mareggia, dopato. Ho “tolto” l'audio per non offendere il Mio Cervello e per godermi il silenzio dello "stolto”. I due "sicari" avevano freddo, hanno indossato, prima lui, poi lei, delle giacchette blu liberista, dovutamente unisex. Reset

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao anonimo. Hai fatto bene a togliere l'audio. Descrivi perfettamente l'umana follia. Cercarsi il lavoro? Assicurarsi la sicurezza sul lavoro? Reclamare i propri diritti? E' come fare l'applauso al boia che ti taglia la testa! Come affila la lama lui ..... che professionalitàààà

      Elimina

Il popolo - Caro amico ti scrivo ...... così mi distraggo un po'

Odio il popolo. Odio tutti i popoli. Odio le masse. Odio gli esseri umani. Io non appartengo a queste orde di barbari. Sono un faraone sen...

Drink!