sabato 19 febbraio 2011

5 Bon Voyage, Bon Voyage

Bon Voyage, Bon Voyage

 Tutti ne parlano male, a dire che va con le minorenni e che pensa solo agli affaracci suoi e che ha rovinato l’Italia!
Ed invece Berlusconi ha un grande merito. Strano ma vero!
In verità vi dico che bisognerebbe fargli una statua!
O almeno qualche statuetta, come quelle dei pastori, con lui che ride, lui con le ministre, lui che benedice etc.
Qual è il merito di Berlusconi?
Ci state pensando? E’ difficile?
In effetti non è facile trovare una risposta immediata.
A meno che non vi chiamiate Piersilvio, Marina, Barbara, Elenonora, Luigi e che il vostro cognome non cominci con la B. Neanche se andate su Gogol (Lui così chiama Google).
Il merito di Berlusconi consiste nell’aver svelato la verità, nell’aver reso palese quello che tutti sapevano ma che nessuno osava dire ad alta voce.
Quelle verità a cui nessuno, in fondo, vuole credere completamente.
Tipo che Dio non esiste, che Babbo Natale è mamma e papà, che i bambini non nascono sotto al cavolo, che senza soldi non si cantano messe, che una mela al giorno toglie il medico di torno etc.
Vi dico la verità che Berlusconi ha svelato: I politici rubano.
Adesso comincia a crederci anche mia mamma.
Tutti ladri tranne Lui, naturalmente.
Ora sicuramente qualcuno non sarà d’accordo: è naturale!
E poi avere dubbi è sintomo di intelligenza. O no?
Perché, come in ogni rivoluzione copernicana che si rispetti, allorquando si scopre che è la terra che gira intorno al sole e non il contrario, c’è sempre qualcuno che non ci crede.
Le cose cambiano, le verità si svelano e …. giudicare è difficile!
Caterina Caselli cantava “nessuno mi può giudicare nemmeno tu”.
Anche Lui canta sempre questa canzone.
E, mentre canta di gioia per le veline ed i soldoni che entrano in cassa, apre le porte di casa sua a tutti facendo vedere come si fa la politica, che tipo di gente entra ed esce, come si reclutano amici ed amiche, come si comprano i parlamentari, etc.
La libertà è trasparenza! Questa è democrazia!
La verità era lì ma nessuno voleva guardarla in faccia.
Lo schema è sempre lo stesso dappertutto!
Basta dare uno sguardo alle rivolte che stanno scoppiando nel mondo.
Da un lato il tiranno ladrone che fa finta di fare gli interessi degli operai e delle casalinghe e che ha sempre un aereo pronto per scappare.
Dall’altra un popolo affamato, che deve solo lavorare e consumare. E pagare.
Perché questa è la politica.
Il ladrone di turno fa le solite promesse al popolo: sicurezza, benessere, onestà, pane, lavoro, etc.
Il popolo ci crede e lo vota. E con il voto lo autorizza a rubare.
Così dopo quando te ne accorgi non puoi prendertela con nessuno. Alì Babà e i quaranta ladroni si sono già pappati tutto!
Alla fine basterà dire che i soldi sono finiti perché siamo troppi, che c’è la crisi economica, etc.
In Egitto Mubarak è scappato con 54 miliardi di dollari.
Dalla Tunisia Ben Ali è scappato con 1.300 milioni di euro. (ed è anche crepato! Notizia dell’ultima ora).
Allora scoppia la rivolta, la gente si incazza.
Il tiranno ordina di sparare sulla folla e ne ammazza un bel po’. Per dare l’esempio.
E mentre l’eroico popolo, che prima di rivoltarsi dalla fame non aveva capito una mazza di niente di che razza fosse il loro capo (perché intento a sognare la bella vita avanti alla tv), si fa ammazzare dalla polizia, Lui mette in moto l’aereo e scappa carico di lingotti e di veline.
Ed allora piano piano tutti ricominciano a pregare ed a fare figli.
Pronti a ricominciare a darsi da fare per il prossimo re.
Per fargli trovare tanti altri porcellini belli grassi da macellare.
Intanto l’aereo vola sempre più in alto.

“ Tutti a chiedersi dove va  …
…Bon Voyage, Bon Voyage!” by Sergio Caputo daL'astronave che arriva

                                                               

5 commenti:

  1. Ciao Gianni!
    Capisco la tua frustrazione... i 40 ladroni son li da anni a fare il gioco delle sedie!!
    Ma quello che hai detto tu, lo diceva mi nonno buon anima... c'è la destra, c'è stata la sinistra e c'è stato il mezzo... ( e qualcuno c'è ancora e non schioda) mi sa che è da più di mezzo secolo che è così... cambierà mai?
    Ciao!

    ps. non arrabbiarti che ti fa male!

    RispondiElimina
  2. Ciao Gianni
    Mi fa piacere conoscerti! Grazie mille dei complimenti e della tua "visita". Anche tu hai rallegrato la mia giornata appena iniziata. Mi hai strappato un sorriso alle sei e mezza del mattino e questo è un grande merito...
    Sai che non siamo così agli antipodi, come hai detto tu? Forse geograficamente, ma per il resto, leggendo alcuni tuoi post, sento una bella sintonia. Anche se le prime righe dell'ultimo mi hanno fatto venire un colpo.... per fortuna ho continuato a leggere... ;))
    Ti auguro una serena domenica Gianni,a presto
    Cinzia

    RispondiElimina
  3. Ciao Gianni. Ho letto attentamente il post. Ed è tutto vero, parola per parola! Purtroppo. Ma in mezzo a questo sfacelo, ci sono ancora persone buone, giuste...Ma sono purtroppo freagate in partenza! Che fare??

    RispondiElimina
  4. Ciao Viola Benvenuta

    Che fare? Ci penso spesso anch'io!
    Credo che anche parlarne senza compiacere l'interlocutore, parlarne senza peli sulla lingua anche in famiglia, con gli amici, i parenti,in ufficio etc. sia un buon modo per contribuire a far crescere l'abitudine a ragionare con la propria testa.
    Agire non per reazione ad un'azione ma per libera scelta.
    Ciao Viola.

    RispondiElimina
  5. Un prossimo Re sarà re perchè avra i suoi sudditi...morituri te salutant, la leggenda assegna al gladiatore la frase io la faccio mia perchè combattero con le mie idee fino all'ultimo esile espiro.
    Ave

    RispondiElimina

Drink!