giovedì 13 settembre 2012

30 CI VORREBBE UN AMICO


Io al supermercato compro solo quello che mi serve e non mi faccio fregare da mille cose inutili. Per farvi capire che tipo sono, io sono uno che non si fa ipnotizzare dalla musica di radio Carrefour in sottofondo e poi si porta a casa intere pedane di olio extra vergine di oliva al 3 x 2 a 3,40 al litro o di passata verace quella con i semini e le pellecchie (bucce) in offerta speciale max 12 pezzi.
Noi al supermercato compriamo poca roba tipo i pisellini primavera Findus o il minestrone del contadino con 15 verdure scelte o la farina integrale per il pane fatto in casa o le olive e capperi per fare gli spaghetti olive e capperi o la pasta sfoglia o i legumi secchi o qualche altra cosa.
Perché io compro l’olio quello buono che manco ve lo dico quanto costa.
Lo vado a prendere ad un frantoio di un amico di un amico mio ed è quello buono che pizzica un po’ in gola ma si vede subito che è di qualità.
Come pure il vino. Ho un amico che lo fa veramente con l’uva e lo fa anche per me e me lo tiene anche in cantina al fresco durante l’anno così che me ne prendo un po’ alla volta.
E poi facciamo anche le bottiglie di pomodoro ad agosto.
Non so se sapete cosa vuol dire fare le bottiglie di pomodori. Ci si fa regalare tot cassette di pomodori ed il giorno prima si lavano le bottiglie che si mettono ad asciugare a testa in giù e poi il giorno dopo si lavano i pomodori, si fanno bollire, si passano nel passapomodori e si riempiono di sugo le bottiglie che poi si fanno raffreddare e si chiudono per bene avvitando stretto con i tappi nuovi. Poi le bottiglie si devono far bollire ed allora si sistemano in appositi bidoni sistemati sugli appositi treppiedi e si accende un apposito fuoco con apposita legna recuperata in appositi posti.
Alla fine festeggiamo tutti assieme con una bella tavolata nel cortile dell’amico mio.
Ovviamente ci vuole un cortile molto grande per fare tutte queste cose.
Ma io per fortuna ho tanti amici. Tra parenti ed amici ci scappa sempre quello che ha un grande cortile per fare il vino e le bottiglie di pomodoro.
Per l’olio ve l’ho già detto prima che c’ho un amico.
Ora per quest’anno sto a posto.
Devo fare solo le melanzane sott’olio che ve le spiego un’altra volta. Comunque se vi volete preparare è facile. Basta avere un amico con la casa in montagna che vi regala l’origano di montagna ed un amico a Soverato che vi regala il peperoncino di Soverato. Ovviamente ci vuole anche un amico che vi regali 2 o 3 cassette di melanzane felice di disfarsene perché quest’anno ne sono uscite tante.
Ora stiamo pensando di fare la marmellata di fichi che però non abbiamo mai fatto.
Ci vorrebbe un amico con tanti alberi di fichi ...

30 commenti:

  1. Voi "sudisti" siete molto bravi... Noi non facciamo molte salse, sughi, marmellate, ecc.ecc.... Inoltre non abbiamo nemmeno tanti amici. Siamo un po' "orsi", almeno a casa mia. Comunque ti devo ringraziare, per il tuo racconto di vita vissuta intensamente in campagna e avermi fatto passare dieci minuti ridendo. A presto. Buona serata,
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale qui in terronia sono tutti matti ma così matti che stanno sempre a chiacchierare e sono convinto che con il loro carattere allegrotto ti aiuterebbero volentieri a far passare il tempo senza troppi pensieri.
      A volte sono così invadenti che qualche volta sono costretto a chiudermi in casa per non sentirli e per trovare un po' di pace.
      Nella vita, si sa, manca sempre la via di mezzo.
      Ciao cara.

      Elimina
  2. La marmellata di fichi l'ho fatta io, (anche quella di albicocche, prugne e pomodori verdi) anche senza amico... non ti dico come ho tirato la cucina... ma va bene così perché è uscita una delizia!!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara ma quante marmellate fai?
      A volte mi sembra che l'esistenza sia proprio come una marmellata: un mix di frutta che però ha bisogno di tanto e tanto zucchero per conservarsi.
      Comunque ci vogliono tanti amici nella vita. E, se possibile, con tante ville con piscina e tanti soldi da non sapere che farsene e tanti cortili e tanti alberi di frutta e tanti alberi di fichi, albicocche, ciliege ...
      Ciao

      Elimina
    2. Io di amici ne ho.. sparsi per tutto il mondo e raggiungerli mi è decisamente impossibile! Nessuno di loro è danaroso, ma sai come la penso, non è quello che mi interessa... anzi.
      La frutta la prendo dai grossisti, da mio padre e dal mio orto... così quest'anno ho fatto una ventina di kg di marmellata che... è talmente tanta che la sto regalando!

      Sai, la frutta ha zucchero di suo, così come la vita è dolce di suo, bisogna solo saperla assaporare... lo zucchero che viene aggiunto... è tutto di più e a volte troppo!
      Conservazione? Ma no.. il destino che ci spetta è li da vedere... conservarsi non vale la pena... io preferisco godermela!!( Nel limite della salute ovviamente!)

      Ciao Gianni!!
      Un abbracciotto sentito!
      :-)

      Elimina
    3. Saraaaaa
      anch'io preferisco godermela la vita. Nonostante tutto.
      Io di amici non ne ho tanti, come potrebbe sembrare da quello che scrivo, ma quei pochissimi ... sono di qualità! Come le melanzane sott'olio che facciamo.
      Credo che non ci sia rimasto molto nella vita se non un po’ di sana ed allegra amicizia. D'altronde, seppur in modo diverso, anche quella tra bloggers è una bella forma d'amicizia!
      Forse un pò troppo virtuale per i miei gusti ma ... meglio accontentarsi.
      Un abbraccio forte. Ciao.

      Elimina
  3. Beh caro Gianni gli amici di questi tempi scarseggiano e quelli che si dichiaravano tali, in realtà non lo sono mai stati...ma questa è un'altra storia....

    Quindi anche senza l'ausilio degli amici e da ostinata, quale sono, cerco di mantenere vive le tradizioni facendo tutte queste cose in un mini appartamento in un angusto angolo cottura, e ti assicuro che oltre che "capa tosta" occorre essere anche equilibristi...eh ci vuole impegno :)
    Anch'io devo ancora fare le melanzane, ma tranquillo, ci sto lavorando, devo solo trovare la qualità di melanzana adatta, lo sai no che serve quella allungata, con pochi semi e bla bla bla...
    Per cui, più che un amico, a questo punto, mi servirebbero le melanzane... eheh :))

    Buona giornata Gianni e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa
      gli amici probabilmente esistono solo nell'immaginario collettivo ed io li cito solo per raccontare qualche storiella. Nella realtà è una merce così rara che credo se ne siano perse le tracce.
      Ho degli amici che quando devono fare le melanzane ed i peperoni arrostiti sott'olio prendono un giorno di ferie e iniziano all'alba ad armeggiare con agli origani olii etc.
      Un profumo che si spande per la casa che ... altro che Chanel N° 5.
      Ciao

      Elimina
  4. Beato te Gianni, che hai tanti amici generosi.
    Bisognerebbe tornare alla forma del baratto: io do una cosa a te , tu dai una cosa a me.
    Cristiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Cristiana
      chissà se tra poco non ci torniamo davvero, nostro malgrado, a qualche forma di baratto "obbligatorio" con tutta la miseria che il berlusconismo ci ha regalato nell'ultimo ventennio.
      E poi è la cosa più naturale di questo mondo!
      Anche tra un uomo ed una donna, in fondo in fondo, si tratta sempre di barattare le stesse cose: lui da una cosa a lei e lei da una cosa a lui!
      Silvio docet!
      Ciao.

      Elimina
  5. Se lo sapevo prima, ( della pioggia ) ti mandavo kg. di fichi.
    Lo facevo per "amicizia".
    Saluti dal fossato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con tutta quella roba che ti ritrovi nel tuo feudo, lumache comprese, credo che nelle cucine reali del tuo castello siano sempre impegnati a fare conserve ed altre prelibatezze.
      La prossima volta vengo con un camioncino a prendermi tutta l'eccedenza della tua produzione.
      E' bello avere tanti amici come te.
      Così mi vedo anche il tuo roseto e mi tuffo dal ponte levatoio nel fossato del castello. Ma mica c'hai messo i coccodrilli !!!!!!
      Ciao

      Elimina
  6. Molto interessante, come sempre, il tuo racconto.
    Le passate di pomodoro sono una squisitezza...e la marmellata di fichi....sublime.
    Devo iniziare anch'io a preparare queste conserve casalinghe, me lo propongo ogni anno e poi finisco di consumare questi prodotti soltanto quando è stagione ...tipo i fichi.
    I pomodori però sarebbero utili da utilizzare d'inverno attraverso le conserve fatte in casa, pomodori che sono maturato al sole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che le tue produzioni conserviere avrebbero un raffinato tocco d'artista!
      Barattoli con il fiocchetto e stoffe a quadretti attorno al tappo.
      Ciao artista.

      Elimina
  7. CIAO Gianni mi hai fatto venire in mente mia madre che faceva quelle sfacchinate della salsa fatta in casa, che bei tempi . >Sono pure io meridionale e dai noi in Irpinia era e forse e' ancora usanza fare la salsa? bo! e molto che manco da la
    grazie ! mi hai riportato indietro nel tempo
    molto bello il tuo blog
    Mi diverte il titolo del post . Parlare di amici al giorno d'oggi e' molto complicato e difficile. Quando credi di averne trovato uno sei fregato a volte, scopri che ti sparla alle spalle e addirittura ti infanga e mai che te lo viene a dire in faccia. No e' veramente difficile. Io purtroppo ne ho conosciuti molti di questi che si dichiarano amici.
    buona serata Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi racconti ormai evocano solo ricordi.
      Sono diventati così rari questi momenti di condivisione (vendemmiare, fare la salsa, le melanzane sott'olio, le marmellate etc.) che quando, capita, come è successo a me, ci si tuffa volentieri in queste sfacchinate. Ed allora si si diverte un po' a dire qualche cavolata, qualche pettegolezzo e ... si sta un po' assieme.
      L'amicizia, quel sentimento che spesso è simile all'amore, è un fatto illusorio, una utopia collettiva. Secondo me un'amicizia è un bene che sia leggera, gratuita, senza impegno, senza nulla a pretendere. Per il puro piacere di stare assieme.
      Quando non ci si aspetta nulla in cambio dall'altro ... non si viene mai delusi!
      Grazie di essere passato.
      Ciao Michele

      Elimina
  8. Ehi che tuffo nel passato. Quando anche io abitavo in terronia le facevamo tutte quelle cosucce lì. A dire il vero mia madre almeno per le melanzane sott'olio il vizio non l'ha perso.
    Io invece non ho perso il vizio di mangiare quello che lei prepara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonim@
      da queste parti non siamo moderni: siamo dei conservatori. Ma non di musica!
      Nel senso che facciamo molte conserve.
      Anonim@ ti piacciono le melanzane sott'olio ehhhhhh!!!!!!
      Allora ti do la ricetta perfetta delle melanzane sott'olio:
      (i polentoni sono pregati di non leggere)
      - disporre un po' di melanzane sott'olio in un cozzetto di pane smollicato (privato della mollica) (meglio sarebbe uno sfilatino se vi trovate a Parigi va bene anche la baguette)
      - aggiungere una fetta di provolone semipiccante (auricchio)
      - richiudere il pane e schiacciarlo tra le dita prima di addentarlo
      - avere a portata di mano un buon vino rosso corposo terrone
      - gustarselo mentre si sta vedendo la partita del napoli che vince 5 a 0 sulla juve
      - gustarselo mentre annunciano che è saltato in aria Montecitorio
      - addentarlo mentre si riceve la telefonata dello zio d'America che ti lascia tutta l'eredità a te e solo a te e domani devi andare dal notaio a firmare
      - prenderlo a morsi (il pane) mentre ricevi la telefonata di Belen che ti vuole violentare sul divano appena finisce la partita del Napoli
      Buon appetito

      Elimina
    2. Mah ... togliendo la vittoria del napoli (pur avendo padre di quelle zone e assolutamente tifoso del napoi, io sono rigorosamente juventina), il fatto che nonostante tutto sono più polentona che terrona, che lo zio d'america (meglio dire sud-america) è già andato da quel dì senza lasciare nulla (almeno non a me) e soprattutto che se mi chiama Belen che mi vuole violentare me ne fotte una mazza e mi viene anche da ridere (magari ti passo la telefonata eh), per il resto la ricetta è ok.
      Ciao neh :)

      p.s. mi hai dato un'idea, tra un po' devo andare a Parigi e quasi quasi mi porto le melanzane sott'olio da mangiare nella baguette.

      Elimina
    3. Già che ci sei porta con te anche una fetta di provolone auricchio di quelle sotto vuoto.
      Tanto meglio della francesissima zuppa di cipolle!
      Come dicono a Bari ... "Se Parigi tenesse lu mere sarebbe una piccola Beri"

      Elimina
  9. Mi ha scatenato una fame terribile l'immagine della tua baguette con provolone e melanzane
    sott'olio, ma poi il pensiero di Belen che mi telefona per violentarmi sul divano mi ha fatto passare l'appetito.
    Ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si cara
      sono appetiti che scaturiscono goduriosi alla vista ed al profumo di questi sott’olii, ragù e prelibatezze varie che certificano, lo dico per gli invidiosi, la presenza di un brillante stato di salute e di una voglia di vivere ancora alta. Alla faccia di Monti e di tutta la banda di ladroni che ci vogliono vedere morti e che, spaparanzati sugli scranni del parlamento senza fare un cazzo dalla mattina alla sera, se la spassano a dividersi il bottino rubato a dipendenti e pensionati (gli unici a pagare le tasse).
      Quanto a Belen sta pure tranquilla che quella vuole violentare solo me. Solo me. E basta!
      Quella è un’assatanata. Assatanata di soldi, naturalmente!
      Ciao regina

      Elimina
  10. Gianni, hai ragione bisogna fare la salsa, le melanzane e anche i carciofini, e tutte le confetture possibili con la magnifica frutta fresca... e anche la divina marmellata di fichi....
    La mia dispenza è ricchissima di olio e vino... e non manca neanche il peperoncino sott'olio, e mi sento in colpa poichè non ho mai fatto nulla ma gli amici esistono e non finirò mai di ringraziarli.
    Un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao strega
      Beata te che hai tanti amici che ti riforniscono di tante buone cose!
      Io devo almeno collaborare nel lavori conservieri anche se, alla fin fine, credo di fare poco faccio ben poco e una buona parte delle cose buone che ho in casa viene praticamente regalato.
      Che Dio “conservi” in buona salute tutti i miei amici. Ed anche i tuoi.
      Che li metta tutti sott’olio!

      Elimina
  11. Finisce oggi la tua giornata lavorativa? Buon week end allora... Ciao
    A presto. Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao dolce donna triestina come stai?
      Si oggi finisce la mia settimana lavorativa e sono un po' più libero.
      Non LIBERO a caratteri cubitali ma "libero" a caratteri minuscoli!
      Che è comunque sempre una bella cosa, naturalmente. Non mi lamento ma, di certo, senza qualche milione di euro come quelli che rubano i nostri politici ladroni ogni giorno, tanto liberi non siamo!
      Mi piacerebbe avere tempo e soldi a disposizione e fare un bel giro in barca a vela di una settimana e... magari verrei anche a trovarti a Trieste mi vedresti sveleggiare nel porto e ti chiamerei dal mare a voce alta da svegliare tutta Trieste e si affaccerebbero tutti alle finestre .... "Aleeeeeeeeeeeeeee" dove seiiiiiiiiii affacciatiiii
      Ciao Ale

      Elimina
  12. Ciao Gianni. I tuoi post sono sempre bellisssimi. Dovresti raccogliere i più divertenti in un libro per persone tristi e depresse. Titolo "LEGGI CHE TI PASSA". Che ne dici? Anche qui al nord si fanno conserve e marmellate. Ho fatto marmellata di fragole, albicocche e pesche. Non ho molti amici e vado a comprare la frutta dai contadini. Quest'anno non li ho preparati, ma mi piace fare i pomodori secchi sott'olio e i peperoncini, quelli tondi, ripieni di tonno e capperi de poi sott'olio. Il prossimo anno spero di essere più produttiva. Ma verso novembre viene su dalla Sicilia un ragazzo che vende arance e mandarini e farò la marmellata di arance che ADORO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei più dolce di tutte le marmellate di arance della terra.
      Roba da far venire il diabete.
      Ti stavo aspettando.
      Anche se, per me, non sei mai andata via. Sei sempre stata qui.
      Bentornata in questi post!

      Viola
      quando arrivi tu ... finisce ogni schiavitù!

      Elimina
  13. Da diabbbbbete!!!
    Può essere, PUO' ESSERE, che il prossimo inverno io abbia molto tempo per fare la marmellata di arance, e pure di mandarini!
    San Gennaro, faciteme a grazia!!!

    RispondiElimina

Drink!